PROCEDURA:

Pulite bene le foglie di carota, denocciolate le olive, e mettete tutto in un frullatore insieme alle mandorle tostate, all’olio di lino, al tamari e all’ aglio. Frullate bene fino a che le foglie di carota non si sminuzzano e non arrivino ad avere una consistenza più cremosa. Se il pesto è troppo denso aggiungete 2 cucchiai di acqua e frullate ancora un po’.

Cuocete gli spaghetti per 13-15 minuti in acqua salata mescolandoli ogni tanto per evitare che si attacchino l’uno all’ altro. Scolate e passateli subito sotto acqua fredda per eliminare l’ amido che potrebbe rischiare di renderli appiccicosi,

Mettete gli spaghetti in una padella insieme al pesto e mescolando cuocete per 2 minuti, il tempo di amalgamarli e scaldarli un po’.
In estate non c’è bisogno di scaldarli e si può semplicemente mescolare gli spaghetti col pesto in una scodella e servire.

Guranite con mandorle sfilettate con un coltello e qualche ciuffo di foglie di carota che avete messo da parte.

INGREDIENTI x 3-4 persone:

  • 250 gr di spaghetti di riso e quinoa
  • 3 ciuffi di foglie di carota
  • 10 olive nere piccole
  • 2 cucchiai di mandorle tostate
  • 1 cucchiaio di tamari
  • 2 cucchiai di olio di lino
  • 1 spicchio di aglio piccolo
  • 2 cucchiai di acqua

Se vi avanza del pesto potete creare una ricetta diversa utilizzando il pesto per preparare un ragù di foglie di carota.
Mettete 1 cucchiaio di olio in una padella, scaldate aggiungete il pesto, saltate un po’ e poi aggiungete la passata di pomodoro, qualche foglia di basilico, peperoncino a piacere e un pizzicotto di sale. Cuocete a fiamma bassa per 15 minuti senza coperchio.
Il risultato è un ragù vegetale molto gustoso e dal sapore delicato e intenso che potete utilizzare per condire pasta o cereali in chicco, perfetto anche sulla pizza.