RICETTA:

Per i crostini: preriscaldate il forno a 180°. Aggiungete il riso cotto in un frullatore e frullate. Aggiungete 1 cucchiaio di acqua alla volta mentre frullate solo per fare in modo che il riso venga frullato bene. Tre cucchiai dovrebbero bastare. Aggiungete la quinoa cotta, la salsa tamari e frullate ancora. Versate il composto in una ciotola.

Aggiungete il resto degli ingredienti e mescolate bene. Versate tutto in un due teglie da 23×34 cm ricoperte da carta da forno e cercate di creare uno strato sottile schiacciando con le mani. Bagnatevi le mani o cospargetele di olio per non far appiccicare l’ impasto.

Tagliate i vostri cracker in rettangoli, quadratini o cerchi e cuocete in forno per 30 minuti. Il tempo di cottura dipende da quanto umido è il composto. Quando si sono induriti toglieteli dal forno e lasciateli raffreddare.

Per la tapenade: tagliate a metà lo spicchio d’aglio e togliete il germe. Sminuzzarlo e versarlo in frullatore insieme a tutti gli altri ingredienti. Frullate qualche secondo finchè le olive non sono sminuzzate. Attenzione a non frullare troppo perché rischiate di trasformare tutto in una crema.

Servite i crostini con la tapenade e del prezzemolo fresco.

INGREDIENTI PER I CROSTINI:

  • 2 tazze di quinoa cotta
  • 2 tazze di riso integrale cotto
  • 3 cucchiai di tamari gluten free
  • 1/3 di tazza di semi di lino
  • 1/4 di tazza di semi di papavero
  • 1/4 di tazza di semi di sesamo
  • 1 cucchiaino di sale
  • Acqua q.b.

INGREDIENTI PER LA TAPENADE:

  • 1 tazza di olive nere
  • 1 cucchiaio di arame ammollate e lessate 10 minuti.
  • 1 cucchiaio di capperi
  • 1 spicchio di aglio
  • 1 cucchiai di olio di oliva
  • 1 cucchiaino di succo di limone
  • Prezzemolo fresco per decorare

Questi crostini sono di una bontà incredibile, appena li ha assaggiati mio marito, che adora i crackers in tutte le salse, ho subito capito dal suo sguardo che erano buonissimi.

Se siete soliti preparare delle tartine col caviale potete provare a sostituirle con questi crostini con la tapenade: il colesterolo è praticamente zero, mentre nel caviale le quantità di colesterolo e anche di sodio sono altissime, e vi assicuro che non hanno niente da invidiare alle scontate tartine al caviale.